FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Tre giorni a Fermo per l’Alta Scuola di Formazione sull’Europa

L'iniziativa, alla quarta edizione, è promossa dall'Ufficio di Presidenza dell’Assemblea legislativa delle Marche

3.121 Letture
commenti
Presentazione Scuola di Alta formazione sull’Europa

Fondi strutturali e Macroregione Adriatico – Ionica alla luce delle nuove opportunità offerte alle amministrazioni locali. Giunta alla quarta edizione, la Scuola di Alta formazione sull’Europa promossa dall’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea legislativa delle Marche con la collaborazione dell’Anci, propone ai giovani amministratori un confronto a tutto campo su temi che saranno centrali nelle politiche regionali per la costruzione delle strategie da affidare al futuro.

Dopo Gabicce, Ancona, Urbino, la “tre giorni” fa tappa a Fermo dal 16 al 18 ottobre, presso il centro congressi San Martino.

“Il progetto Europa – ha sottolineato il Presidente del Consiglio, Vittoriano Solazzi, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa – rappresenta l’unica possibilità per affrontare la sfida globale, per un futuro di crescita economica, di coesione sociale e di pace.”

Un nuovo sentimento di appartenenza, una comune identica europea sono, sempre secondo Solazzi, gli elementi necessari per “realizzare un grande sogno che necessariamente deve passare attraverso la conoscenza dei meccanismi di funzionamento delle istituzioni comunitarie e che deve essere alimentato dalla competenza, dalla passione, dalle energie, dalle ambizioni delle nuove generazioni. E’ su queste basi che quattro anni fa è nata l’idea di una scuola d’alta formazione: i risultati conseguiti ci hanno dato ragione”.

Per la Vicepresidente del Consiglio, Rosalba Ortenzi, la scelta della città di Fermo rappresenta “il giusto riconoscimento ad una città che con la sua storia, le sue tradizioni, la sua impronta culturale, la ricerca continua d’innovazione e di nuovi e più evoluti ambiti d’intervento, ha sempre saputo rappresentare al meglio la poliedricità delle Marche, inserendosi a pieno titolo nell’ambito delle qualificate progettualità che appartengono a questa regione”.

Visti gli argomenti trattati, legati soprattutto alle politiche regionali, per la quarta edizione della scuola si è scelto di coinvolgere soltanto i giovani amministratori marchigiani (80 gli iscritti in rappresentanza di 51 comuni delle cinque province marchigiane).

In programma per la prima giornata, dedicata ai fondi strutturali destinati alle Marche, la partecipazione dei Presidenti di Consiglio e Giunta, Vittoriano Solazzi e Gian Mario Spacca; dell’assessore regionale alle politiche comunitarie, Paola Giorgi; del dirigente del Ministero per l’Ambiente, Elio Manti. Chiusura del workshop pomeridiano con la lectio magistralis di Flavio Zanonato, europarlamentare, componente della Commissione industria, ricerca energie.

Secondo appuntamento il 17 ottobre con approfondimenti inerenti le Marche nella Macroregione Adriatico – Ionica e giornata conclusiva sul semestre della Presidenza italiana della Ue, con l’intervento del Vicepresidente del Parlamento europeo, David Sassoli. Nel corso dell’iniziativa prevista la presenza del Vicepresidenti del Consiglio, Rosalba Ortenzi e Giacomo Bugaro, e del Consigliere segretario Franca Romagnoli.

Ampio il ventaglio di proposte nei workshop pomeridiani, con relazioni sui diversi programmi operativi regionali, sulla cooperazione territoriale e sui “pilastri” fondamentali dell’Eusair (European Strategy for the Adriatic-Ionian Region).

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!