FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Sant’Elpidio a Mare, c’è tempo fino al 4 marzo per fare domanda per il Bonus Alimentare

Stanziati dall'amministrazione comunale oltre 200.000 euro

1.143 Letture
commenti
Buoni spesa a Sant'Elpidio a Mare

Accanto ai 102 mila euro che l’amministrazione comunale ha messo a disposizione di chi versa in stato di bisogno attingendo direttamente dalle casse comunali, arrivano i 101 mila euro dal Governo.

Si tratta del “Bonus alimentare” previsto a favore di persone e/o famiglie in condizioni di disagio economico e sociale provocate dall’emergenza sanitaria in corso per via del Covid-19. La domanda di partecipazione potrà essere inoltrata fino alle ore 24.00 del 4 aprile prossimo.

“Le richieste di assegnazione verranno scrupolosamente verificate – dice in merito il Sindaco, Alessio Terrenzi – e ci rimettiamo al buonsenso e all’onestà dei cittadini affinché vengano presentate da parte di chi effettivamente si trova in stato di necessità. Si tratta di benefici previsti per coloro che non riescono più a fare la spesa e l’obiettivo è quello di andare incontro al maggior numero possibile di elpidiensi in stato di necessità”.

Potranno inoltrare domanda i nuclei famigliari, anche monoparentali, attualmente residenti nel Comune di Sant’Elpidio a mare, che si trovino impossibilitati ad approvvigionarsi di beni di prima necessità, a causa del venir meno della fonte abituale di reddito. I cittadini per poter accedere al buono spesa devono trovarsi almeno in una delle seguenti condizioni:

•          – Lavoratori dipendenti la cui attività è stata sospesa o ridotta dall’emergenza COVID-19;
•          – Titolari di partita Iva la cui attività è stata sospesa o ridotta dall’emergenza COVID-19;
•          – Lavoratori con reddito di natura occasionale la cui attività è impedita dall’emergenza COVID-19;
•          – Soci lavoratori di società la cui attività è stata sospesa o ridotta dall’emergenza COVID-19;
•          – Percettori di misure di contribuzioni pubbliche (reddito/pensione di cittadinanza, Legge 30/90; Legge sugli affitti 431/98; contributi economici straordinari)

 

I buoni potranno essere spesi entro il 30 aprile prossimo per l’acquisto di generi di prima necessità quali prodotti alimentari, per l’igiene personale e in nessun caso sarà consentito l’acquisto di alcolici. Potranno essere spesi negli esercizi commerciali del territorio comunale aderenti all’iniziativa (possibilmente il più vicino al luogo di residenza) che sono stati contattati dall’Amministrazione Comunale e che saranno elencati nel momento in cui saranno chiuse le adesioni.

“Abbiamo individuato delle priorità di cui tener conto nell’assegnazione dei buoni spesa – dice il sindaco – ed in particolare si terrà conto dei nuclei familiari con minori, nuclei che sostengono l’onere del mutuo o dell’affitto per l’abitazione di residenza, nuclei con all’interno la presenza di un familiare con disabilità, nuclei i cui componenti non percepiscono ulteriori redditi e/o non sono assegnatari di sostegno pubblico (stipendi, pensioni, pensioni sociali, cassa integrazione ordinaria e in deroga, reddito/pensione di cittadinanza, Legge 30/90; Legge sugli affitti 431/98; contributi economici straordinari)”.

Il buono spesa è una tantum e l’importo indicativo sarà determinato a seconda della composizione del nucleo familiare e delle risorse disponibili, della percezione o meno di altri sostegni  pubblici, secondo delle tabelle che sono state inserite nel bando. Le domande dovranno essere inoltrate, entro le ore 24.00 del 4 aprile, o in modalità telematica o scaricando un modello da reinviare al protocollo del comune. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito istituzionale e si può contattare, dal lunedì al sabato, dalle ore 10 alle 13, il Pat al numero 0734.8196382.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!