FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Le Marche e il calcio femminile: la storia di Melissa Bellucci e Raffaella Manieri

Le due marchigiane simbolo, che militano una nella Juventus e una nel Milan

456 Letture
commenti
Calcio - Photo by planet_fox / Pixabay License

Con i Mondiali di Francia del 2018 anche l’Italia del pallone si è accorta del livello raggiunto dal calcio femminile nazionale e internazionale. Ma c’è una regione che da anni sta fornendo talenti cristallini al movimento e alla rappresentativa azzurra: le Marche. E oggi parleremo proprio delle calciatrici marchigiane simbolo, Melissa Bellucci, centrocampista della Juventus Campione d’Italia, e Raffaella Manieri, veterana difensore del Milan.

Domenica 23 settembre 2018, a metà del secondo tempo della prima giornata di campionato tra Juventus Women e Chievo Verona, ha fatto il suo esordio ufficiale in Serie A Melissa Bellucci. Centrocampista classe 2001 nata a Pedaso, Bellucci è uno dei migliori talenti prodotti non soltanto dalla Jesina calcio, ma da tutto il calcio italiano. Mediana dal buon fisico e dalla grandissima tecnica individuale, ha messo insieme quattro presenze tra campionato e coppa alla prima stagione tra le professioniste. Una stagione in cui è stata tra le protagoniste anche nella formazione bianconera primavera, guidata alla vittoria del Torneo di Viareggio.

Prestazioni così convincenti, quelle della marchigiana, da aver convinto la dirigenza della Vecchia Signora a farle firmare, a luglio 2019, un contratto valido fino a giugno 2022. Nel frattempo Bellucci è diventata anche una colonna dell’Italia Under-19: in sette presenze tra qualificazioni e campionati europei ha messo a segno la bellezza di 4 gol.

Con i Campionati del Mondo 2018, la passione per le protagoniste del calcio femminile è esplosa in tutta Italia. Ma nelle Marche era già una realtà. E buona parte del merito va a Raffaella Manieri, difensore classe 1986 del Milan e della Nazionale.

Nata a Pesaro, Manieri muove i primi passi nelle giovanili della squadra della sua città prima di trasferirsi nel 1999 alla Vigor Senigallia. Con la maglia della storica società marchigiana sarà tra le protagoniste della scalata dalla Serie B alla Serie A. Le sue prestazioni vengono notate dal Torino che nel 2005 la acquista ufficialmente. Dopo 36 partite e 4 gol, nuovo trasferimento, questa volta al Bardolino Verona.

È qui che la ragazza di Pesaro esplode definitivamente, aiutando le compagne a vincere la SuperCoppa Italiana e il campionato e mettendo insieme la bellezza di 2 gol in sette presenze nella UEFA Women’s Cup. Ormai matura fisicamente e calcisticamente, Manieri passa alla Torres nel 2008. In Sardegna vincerà 4 scudetti, una Coppa Italia e 4 SuperCoppe Italiane.

Dopo aver vinto tutto in Italia, la marchigiana tenta l’esperienza all’estero. A darle una chance di confrontarsi con l’élite del calcio continentale è il Bayern Monaco che nel 2013 la mette sotto contratto per tre anni. In Germania porterà a casa l’ennesimo campionato realizzando una rete in 37 presenze. Nel 2016 il ritorno in Italia per una nuova avventura. Questa volta con la maglia del Brescia.

L’allenatore è il futuro ct dell’Italia Milena Bartolini e Manieri dà il suo prezioso contributo nel raggiungimento del secondo posto in campionato alle spalle della Fiorentina e nella vittoria della SuperCoppa Italiana. Dopo un’annata interlocutoria al San Zaccaria, il passaggio nel mercato estivo 2018 al Milan, squadra con cui si piazza sul terzo gradino del podio in Serie A. In Nazionale la pesarese vanta la bellezza di 65 presenze e dieci reti con la partecipazione a due edizioni dei Campionati Europei. Un bottino decisamente prestigioso per un difensore.

E se Bellucci e Manieri rappresentano la punta del movimento, ci sono molte alte giocatrici di altissimo livello che stanno facendo parlare di sé nelle serie maggiori e che si preparano a raccogliere il testimone delle due stelle. Nella Fiorentina vice campione d’Italia milita Michela Catena, centrocampista classe 1999 di Osimo. A Tavagnacco gioca Elisa Polli, attaccante classe 2000 nata a Sassoferrato. Valeria Monterubbiano, di Fermo, è una delle colonne del Sassuolo mentre Emma Guidi, portiere nata nel 1996 a Montemarciano, difende con profitto i pali della Roma. Ilaria Alunno, infine, originaria di Porto San Giorgio, sta cercando di ritagliarsi il proprio spazio tra le titolari del Verona attualmente quinto in classifica.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!