FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Irrompono nell’ospedale di Fermo per recuperare un loro amico, un arresto e cinque denunce

Nei guai un gruppo di ventenni, i quali hanno aizzato un pitbull contro i poliziotti che tentavano di fermarli

1.975 Letture
commenti
Ospedale Murri

La Polizia di Stato di Fermo è risalita all’identità dei sei giovani, poco più che ventenni, che hanno fatto irruzione nell’ospedale di Fermo per portare via un loro amico rimasto ferito a seguito di un’aggressione.

Dopo aver recuperato il ferito, raggiunto poco prima da una coltellata, il gruppetto lo ha caricato a bordo di un’automobile posteggiata nei paraggi dell’ospedale, minacciando nel contempo i due poliziotti che stavano piantonando il giovane: nell’occasione, per rendere possibile la fuga, è stato aizzato contro gli agenti anche un cane di razza pitbull.

Poco più tardi, uno dei componenti del gruppo ha fatto ritorno sul posto per riprendere l’automobile, venendo immediatamente arrestato dalle forze dell’ordine. Si tratta di un ventenne italiano senza fissa dimora, per il quale sono scattate le manette con l’accusa di lesioni aggravate e resistenza aggravata a pubblico ufficiale: il giovane, denunciato per porto abusivo di armi, all’interno dell’ospedale si era infatti scagliato contro i poliziotti calzando dei guantoni da arti marziali.

A bordo della vettura sono poi state rinvenute e sequestrate diverse armi bianche – una mannaia e tre coltelli con lame di oltre 30 centimetri – nascoste in varie parti dell’abitacolo: anche il veicolo è stato posto sotto sequestro.

Alcuni degli assalitori sono stati localizzati in via Rubens, dove hanno nuovamente utilizzato il pitbull per guadagnare tempo e far perdere le proprie tracce: reso inoffensivo non senza qualche difficoltà, l’animale è quindi stato affidato a un canile della zona.

Nei giorni seguenti, grazie anche ai rilievi effettuati dalla Polizia Scientifica, i restanti cinque giovani – di nazionalità egiziana e tunisina – sono stati identificati e denunciati dalla Polizia con gli stessi capi d’imputazione mossi al ventenne già tratto in arresto. Tre di loro sono pregiudicati già conosciuti per una serie di precedenti, mentre altri due erano finora incensurati.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!