FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Fermo, incontro online sulla dispersione scolastica giovedì 29 aprile

Il presidente Wega Baratto: "Quando tutto ripartirà avremo purtroppo numeri peggiori dei precedenti"

Domenico Baratto

Quello della dispersione scolastica è un fenomeno che purtroppo non cenna a diminuire. Anzi molto probabilmente vedrà un ulteriore aggravamento quando, dopo questo periodo di pandemia con la didattica principalmente a distanza, si tornerà a riprendere i normali ritmi scolastici in presenza.

Chi era già in difficoltà prima rischia di rimanere sempre più indietro e quindi potrebbe andare verso l’abbandono. Ma come evitare questa problematica che si aggrava sempre più e rappresenta una piaga nel sistema scolastico? Quali altre strade si possono offrire ai giovani che abbandonano il normale percorso educativo-formativo? Una tematica complessa e delicata che sarà affrontata nell’incontro web “Non è mai troppo tardi” di giovedì 29 aprile alle ore 19.00, seguibile in diretta sulla pagina facebook di Wega (facebook.com/wegaimpresasociale) e sul canale youtube di Wega Formazione, associazione che organizza l’evento, nell’ambito della rassegna “Dialoghi Formativi”.

Ospiti saranno il coordinatore dell’Ambito Territoriale Sociale XIX di Fermo Alessandro Ranieri e Mauro Del Bene, docente scolastico e counselor. Si confronteranno con il pedagogista Filippo Sabattini, il presidente Wega Domenico Baratto, il giornalista Raffaele Vitali.

«Ci fa piacere affrontare questa tematica molto delicata e attuale – dice Baratto – poiché parleremo di un tema a noi molto caro, visto che Wega da anni lavora sulla rimotivazione dei ragazzi in dispersione scolastica e sul riorientamento al lavoro. E’ un aspetto che durante questa pandemia è silente, ma quando tutto ripartirà avremo purtroppo numeri peggiori dei precedenti. Parleremo delle misure e dei percorsi di contrasto e recupero. I ragazzi che lasciano la scuola rimangono spesso abbandonati a sé stessi, senza alternative, e qui occorrono progetti ad hoc per recuperarli, dar loro nuove motivazioni e stimoli, costruire percorsi formativi alternativi che possano professionalizzare subito e facilitare l’inserimento nel lavoro».

Occorre soprattutto un’attenzione particolare personale al giovane che abbandona il percorso scolastico ufficiale, poiché può nascondere più sensibilità, fragilità di carattere e difficoltà familiari e di adattamento sociale, che spesso limitano l’espressione delle proprie potenzialità.

 

da: Wega

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!