FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Passi avanti per il restauro di un’opera ospitata presso la Pinacoteca Civica di Fermo

Si tratta di “Madonna in trono con Bambino e i santi Giovanni Evangelista e Maria Maddalena” di Vincenzo Pagani

“Madonna in trono con Bambino e i santi Giovanni Evangelista e Maria Maddalena”

I private banker di BANCA GENERALI PRIVATE a Fermo in prima fila per la tutela e valorizzazione di un’opera tra le più iconiche dell’intero patrimonio artistico italiano.

Il progetto, promosso da Fondaco Italia, prevede il restauro della “Madonna in trono con Bambino e i santi Giovanni Evangelista e Maria Maddalena”, un olio su tavola di Vincenzo Pagani, del 1526/1528, collocata nel Polo museale di Palazzo dei Priori, presso la Pinacoteca civica di Fermo.

Il Polo museale si trova all’interno del duecentesco Palazzo omonimo che si impone elegantemente sulla piazza del Popolo di Fermo. Il palazzo, frutto di annessioni di un’abitazione privata e dell’antica chiesa di San Martino, ha assunto l’aspetto attuale solo nel Cinquecento con la doppia scalinata d’accesso e l’imponente statua bronzea di Papa Sisto V di Andrea Sansovino. Dopo essere stato il luogo per eccellenza della vita politica della città, attualmente è sede della pinacoteca comunale e della sezione picena del museo archeologico.

La scelta della città di Fermo è significativa anche perché pone l’attenzione su una realtà gioiello della nostra penisola, duramente provata dai terremoti del 2016 e 2017.

“Siamo felici di affiancarci a un progetto che punta a recuperare e donare alla comunità un’opera d’arte iconica, retaggio di un periodo in cui l’Italia ha rappresentato il punto di riferimento del Mondo in termini di cultura. Come Banca attenta alla protezione e valorizzazione dei patrimoni delle famiglie, siamo ben consapevoli dell’importanza che il patrimonio artistico riveste non solo per il territorio di Fermo, ma per l’intera Penisola. Per questo crediamo che sia fondamentale sostenere iniziative come questa che possono rappresentare un volàno per guidare la ripartenza del territorio dalla dura crisi che stiamo attraversando” ha commentato Ermes Biagiotti, Area Manager di Banca Generali Private nelle Marche, Abruzzo e Umbria.

“Un grande ringraziamento a Banca Generali – le parole del Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro – per questo intervento importante su Fermo, in attesa della riapertura della nostra Pinacoteca che sarà pure un altro momento da evidenziare, in cui avremo modo di ringraziare personalmente. La vicinanza di Istituti così importanti a livello nazionale e non solo è solamente un orgoglio per questa città, per cui va il ringraziamento da parte mia a nome della nostra comunità cittadina”.

“La notizia dell’avvio di un restauro di un’opera d’arte è sempre segnale di grande speranza e incoraggiamento per il mondo della cultura – le parole dell’Assessore alle Politiche Culturali Micol Lanzidei – per questo siamo a ringraziare in modo particolare Banca Generali per aver voluto sostenere questa azione di tutela e valorizzazione. Questo tipo di interventi sottolinea l’importanza del patrimonio artistico e culturale di una comunità e contribuisce alla sua salvaguardia, con azioni mirate, volte a preservare la storia e la bellezza di opere come questa, che potrà così tornare al suo antico splendore”.

“In un momento storico come quello che stiamo vivendo – sottolinea Enrico Bressan, presidente di Fondaco Italia, società di comunicazione attiva nella valorizzazione dei beni culturali – decidere di investire in un’opera d’arte è un forte segnale di positività: l’Economia della Bellezza e i rami ad essa connessi, che possiamo racchiudere, per semplificare, nel Patrimonio Culturale Italiano, costituiscono la base da cui ripartire. Un restauro come questo, inoltre, è un ulteriore veicolo per quello che è uno dei cardini di Banca Generali Private: valorizzare e farci custodi nel tempo di quanto c’è di più caro nella relazione con i nostri clienti, la fiducia.

L’intervento di restauro viene realizzato dalla ditta Mirmex Conservazione e Restauro Opere d’Arte di Francesca Ascenzi di Fermo.

 

SCHEDA ILLUSTRATIVA DELL’OPERA:

Madonna in trono con Bambino e i santi Giovanni Evangelista e Maria Maddalena

Olio su tavola, 178×140 cm

Autore: Vincenzo Pagani (Monterubbiano, circa 1490-1567)

Data di realizzazione: 1526 o 1528

Descrizione: La tavola ha un taglio cuspidale acuito dallo schematismo piramidale della Vergine, posta su un trono con il Bambino, con ai lati due santi. Il basamento in marmo ai piedi del trono costituisce un’allusione al freddo marmo del sepolcro e quindi alla morte di Cristo: tali riferimenti allusivi, rivelatori della missione salvifica del Bambino, che San Giovanni ben indica al fedele con la mano destra, quasi a voler ribadire il protagonista di tale disegno divino.

L’eleganza e la grazia della Vergine assisa in trono trovano giusta corrispondenza nella Maddalena; stretta in un corpetto a tinta rosata, con le maniche percorse da una serie di intagli ornamentali e la camicia bianca con arricciatura tenuta da una spilla d’oro che si intravede dall’ampia scollatura, la maddalena rappresenta l’immagine alla moda a cui si ispirava l’abbigliamento delle signore del primo trentennio del XVI secolo.

Intervento di restauro

Le fasi:

– consolidamento di tutte le porzioni di colore e preparazione sollevate, della pellicola pittorica in stato distacco;

– pulitura per la quale saranno impiegati solventi adeguati individuati attraverso accurate indagini;

– stuccatura delle lacune con materiale simile alla composizione dello strato preparatorio originale;

– reintegrazione pittorica sarà eseguita con colori ad acquerello e colori a vernice per mezzo di velature sovrapposte e a tratteggio verticale solo sulle lacune;

– verniciatura finale sarà effettuata mediante nebulizzazione di vernice;

– disinfestazione del supporto ligneo dagli insetti xilofagi e si opererà la disinfestazione in atmosfera modificata alla quale seguirà quella chimica.

Redazione Fermo Notizie
Pubblicato Venerdì 5 febbraio, 2021 
alle ore 17:19
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!