FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Fermo, l’autopsia sul corpo di Emmanuel: frattura al cranio e un pugno ricevuto in faccia

Domenica 10 luglio i funerali del migrante ucciso da un fermano. Sabato 9 si è svolto il corteo dei centri sociali delle Marche

1.908 Letture
commenti
Una scritta su un marciapiede di Fermo durante la manifestazione dei centri sociali

Una frattura al cranio, forse procurata dalla caduta a terra conseguente il pugno in faccia ricevuto da Amedeo Mancini. Un pugno che da solo avrebbe procurato ad Emmanuel Chidi Namdi lesioni che non lo avrebbero ucciso, ma che è invece stato fatale al migrante nigeriano che ha reagito agli insulti razzisti del fermano ed è morto dopo un pestaggio.

L’accurato esame autoptico svolto dalla dottoressa Alessia Romanelli lascia dunque aperte tutte le strade dal punto di vista legale: dalla legittima difesa invocata da Mancini all’omidicio preterintenzionale per il quale egli si trova in carcere a Marino del Tronto.

Nel frattempo Fermo si prepara a dare l’ultimo saluto ad Emmanuel, i cui funerali si terranno domenica 10 luglio al Duomo del capoluogo: celebrerà il Vescovo Luigi Conti e saranno presenti la presidente della Camera Laura Boldrini e il ministro per le riforme Maria Elena Boschi.

Sempre a Fermo, sabato 9 luglio, si è invece tenuta una manifestazione indetta dai centri sociali delle Marche per dire no a razzismo e a chi soffia sul fuoco dell’intolleranza dell’estremismo. Circa 500 i partecipanti, secondo quanto dichiarato dagli organizzatori, che hanno sfilato in città, transitando anche sul luogo della morte del migrante.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!