FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Ete Morto: incontro a Sant’Elpidio a Mare su sicurezza, progettualità e Contratto di Fiume

Coinvolti quattordici Comuni del Fermano e del Maceratese. "Azioni concrete e veloci per salvaguardare territori e comunità"

2.358 Letture
commenti
Fiume Ete Morto in piena

Si è tenuto la mattina del 21 aprile, nella sala giunta del Comune di Sant’Elpidio a Mare, un incontro convocato dall’Amministrazione Comunale per discutere delle problematiche inerenti l’Ete Morto.

Quattordici i Comuni interessati alle problematiche che riguardano il fiume, dieci fermani e quattro maceratesi. Sono gli stessi Comuni che, a suo tempo, firmarono un protocollo con il quale sono state individuate le azioni comuni per la gestione delle emergenze da alluvione.

La riunione di giovedì mattina è una di una serie a suo tempo avviata con l’obiettivo, chiaramente fissato dall’Amministrazione Comunale elpidiense, di non affrontare le problematiche che riguardano l’Ete Morto esclusivamente sull’onda dell’emotività seguente a ciò che le forti piogge provocano, ogni volta, nel territorio.

“La problematica è molto seria – osserva a tal proposito il Sindaco, Alessio Terrenzi – e riteniamo indispensabile arrivare ad azioni concrete che possano salvaguardare i territori e le comunità attraversate dal corso del fiume e minacciate da vicino ogni volta che la pioggia cade copiosa”.

L’incontro è stato molto partecipato ed i Comuni assenti hanno fatto sapere che sono comunque del tavolo e ne condividono metodo e finalità. A portare il suo contributo è stato anche il geologo Luciano Taddei, professionista elpidiense sensibile alla problematica e che sta fornendo al comune la sua consulenza gratuita.

“Credo di poter dire che sia stato un incontro molto proficuo – aggiunge l’Assessore Norberto Clementi, presente all’incontro assieme al Sindaco – nel corso del quale sono stati approfonditi vari canali di azione che riguardano l’emergenza, la progettualità ed anche future possibilità di aderire al cosiddetto Contratto di Fiume. L’intenzione comune è quella di andare avanti velocemente sulle questioni che riguardano l’Ete Morto nella consapevolezza di quanto sia delicata la problematica. Ora dobbiamo passare alle risposte concrete e puntuali che, però, per esseri veramente efficienti, vanno inserite in un progetto unitario”.

L’incontro si è concluso con l’impegno di convocare una ulteriore riunione presso la sede della Provincia di Fermo, questa volta, coinvolgendo anche la Provincia di Macerata nel cui territorio ricadono quattro dei Comuni toccati dalla problematica.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!