FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Imbucati ai matrimoni per rubare nelle auto degli invitati: arrestati a Monte San Pietrangeli

I Carabinieri di Jesi seguivano da tempo i due complici, presi sul fatto con una refurtiva di alcune migliaia di euro

4.036 Letture
commenti
Arresto, manette

Erano tenuti sotto controllo da tempo, dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Jesi, i due giovani, con precedenti per reati contro il patrimonio, presi con le mani nel sacco mentre rubavano dalle auto degli invitati a un matrimonio a Monte San Pietrangeli.

I Carabinieri, col tempo, avevano constatato che i due erano specializzati in furti in generale, ma che negli ultimi periodi privilegiavano quelli su autovetture in sosta. Ma non su qualsiasi autovettura in sosta, ma solo quelle degli invitati ai matrimoni, lasciate parcheggiate solitamente su ampi parcheggi, spesso incustoditi.

Le indagini andavano avanti da un paio di mesi, quando numerose autovetture parcheggiate davanti ad un noto ristorante della provincia di Ancona, dove si stava tenendo il ricevimento di un matrimonio, erano state prese di mira e depredate di ciò che si trovava al loro interno.

I militari hanno individuato i sospetti e dalla mattina di sabato 3 ottobre li hanno continuamente pedinati. Con la loro BMW nera, i due malviventi si sono recati prima davanti a un noto ristorante per verificare se ci fossero autovetture in sosta, poi hanno deciso di dirigersi verso Monte San Pietrangeli, in località San Martino, presso il ristorante “Villa Sofia”, dove era in corso di svolgimento un banchetto nuziale.

Gli uomini agli ordini del Tenente Maurizio Dino Guida, con una squadra messa in campo composta dal comandante del Radiomobile, Maresciallo Roberto Scarpone e Appuntato Lucio Natalizia, hanno proseguito la loro operazione osservano a distanza i due, i quali non hanno perso tempo, imbucandosi tra gli invitati al matrimonio, a mettere a segno furti nelle autovetture in sosta.

A questo punto, i Carabinieri hanno rotto gli indugi e sono intervenuti, con il supporto di una pattuglia del Radiomobile di Montegiorgio: hanno bloccato i due individui, rinvenendo a bordo della loro BMW una consistente refurtiva: apparecchi elettronici e portafogli, per un valore di alcune migliaia di euro.

Condotti in caserma, per gli accertamenti di rito, L.S. di 39 anni e M.S. di 22, sono stati dichiarati in arresto e trattenuti nelle camere di sicurezza della Compagnia di Montegiorgio, in attesa del processo per direttissima. Ai due arrestati è stata anche sequestrata l’autovettura, considerato dagli inquirenti il mezzo attraverso il quale commettere i reati.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!