FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Violenze sulla moglie: il Prefetto di Fermo revoca accoglienza a un rifugiato politico

L'uomo ha aggredito la donna procurandole lesioni guaribili in 30 giorni, arrestato. Lei ora in struttura protetta con i figli

806 Letture
commenti
Violenza sulle donne

Il prefetto di Fermo, Maria Luisa D’Alessandro, ha provveduto a revocare il diritto all’accoglienza a uno straniero, richiedente asilo politico, facente parte di un programma in un Centro di Accoglienza Straordinario in provincia di Fermo. Il motivo è nelle violenze che egli ha rivolto a sua moglie.

La donna, aggredita da suo marito, ha rimediato contusioni ed ecchimosi in molte parti del corpo, oltre a un trauma cranico, per una prognosi di 30 giorni. L’uomo, grazie alla collaborazione tra Prefettura, Carabinieri, gestori del centro di accoglienza e Asur, è stato immediatamente arrestato e il suo status di rifugiato politico è ben presto decaduto, su disposizione del Prefetto D’Alessandro.

La moglie dell’arrestato, che si trova in Italia insieme a due figli piccoli, è stata indirizzata verso una struttura protetta della rete antiviolenza sulle donne.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!