FermoNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Ladri presi in flagrante a Massa Fermana: avevano in casa refurtiva per 50mila Euro

In carcere due albanesi, identificato un terzo. Secondo i Carabinieri avrebbero già colpito più volte tra le province di Fermo e Macerata

2.029 Letture
commenti
arresto dei Carabinieri, 112, manette

Nella serata e nella nottata di martedì 7 febbraio, i Carabinieri di Fermo hanno dato luogo ad una vasta operazione di copertura del territorio fermano, anche svolgendo vigilanza in borghese, grazie al personale del Nucleo Operativo Radiomobile, mettendo in campo una fitta rete di controlli delle persone in movimento.

Proprio con tale operazione, al termine di circostanze convulse e pericolose, i militari del N.O.R. hanno bloccato, arrestandoli in flagranza di reato per furto aggravato in abitazione, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali, due cittadini albanesi domiciliati a Porto Sant’Elpidio, un 44enne pregiudicato e disoccupato e un 35enne muratore, pure lui pregiudicato.

I due individui, insieme a un terzo, riuscito a scappare, dopo essersi introdotti in un’abitazione di Massa Fermana, forzando la porta finestra d’ingresso, hanno rubato oggetti e gioielli in oro e sono scappati a bordo di un’auto, risultata poi rubata qualche giorno prima a Monte Giberto.

I malviventi, immediatamente raggiunti dai Carabinieri, hanno abbandonato l’auto, optando per la fuga a piedi, rivelatasi inutile, infine opponendo resistenza ai militari che li hanno acciuffati. Nel corso della colluttazione con tali individui, uno degli uomini dell’Arma ha riportato lesioni, giudicate lievi, ma che hanno richiesto cure mediche. Bloccati ed arrestati, i due albanesi sono stati trasferti presso il Carcere di Fermo, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Anche il terzo uomo è stato ben presto identificato: si tratta anche in questo caso di un cittadino albanese residente a Porto Sant’Elpidio. Non ci si è però fermati all’individuazione dei malviventi.

Immediate sono scattate perquisizioni domiciliari, che hanno consentito di rivenire refurtiva per 58 monili in oro, sei diamanti, quattro orologi di valore e circa mille euro in contanti: un valore complessivo di circa 50mila euro, il tutto con ogni probabilità provento di altri furti commessi nelle province di Fermo e Macerata.

Tutta la refurtiva è stata posta sotto sequestro, in attesa di essere restituita ai rispettivi proprietari.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Fermo Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni